Il fondo del poeta Roversi è a Vag61!

GIOVEDI’ 14 LUGLIO’016 alle 20

Nel corso della serata: esposizione delle riviste, aperitivo sociale con spuntino mangereccio, presentazione del Fondo Roversi/Bartleby, reading a cura di Kai Zen e con le musiche del Buthan Clan.

> > > Foto dell’esposizione e della presentazione: qui // Video del reading: qui

13567384_1756628381242877_8992650286636946914_nIl fondo del poeta Roberto Roversi che, grazie a una donazione, aveva permesso a Bartleby di allestire un’emeroteca di riviste di storia, letteratura, arte e politica, dagli anni ’50 ai giorni nostri, tornerà ad essere fruibile alla città. A causa dello sgombero e della chiusura forzata dello spazio autogestito di via San Petronio Vecchio centinaia di volumi, spesso introvabili nelle biblioteche, sono rimasti per troppi mesi chiusi dentro a decine di scatoloni. Oggi, per una libera scelta degli attivisti e delle attiviste dell’ex collettivo, le riviste raccolte da Roberto Roversi sono state trasferite presso il Centro di documentazione dei movimenti “Francesco Lorusso – Carlo Giuliani”, a Vag61 (in via Paolo Fabbri 110).

Si tratta di pubblicazioni preziose, qualcosa di molto importante per la città. Solo per citare alcuni dei titoli, tra le centinaia di periodici: La collezione di AUT AUT dal 1951 al 1980; “Abiti Lavoro”, quaderni di letteratura operaia; “Azione comunista”, giornale della sinistra comunista (Anni 1957/1966); “L’approdo letterario”, 1959; “L’assalto al cielo” (fumetti, cultura, politica); “Angelus novus”, trimestrale di estetica e critica (1968/1974); “Autobus”, trimestrale di letteratura e teatro (1978/1979); “Bianco e Nero”, rassegna mensile di studi cinematografici e televisivi; “Belfagor”, rivista di varia umanità (195/2001): “Cervo volante”, rivista internazionale di arte e poesia; “La Comune”, trimestrale di ipotesi ed esperimenti di politica e cultura (1969/1970); “Classe”, quaderni sulla condizione e la lotta operaia (1970/1982); “Comunità”, rivista di informazione culturale fondata da Adriano Olivetti (1956/1972); “Il Cerchio di Gesso”, rivista di letteratura e politica (1977/1979, fondata a Bologna); “Controcorrente”, verifica sulle ipotesi di trasformazione della società (!969/1971); “Controstampa”, giornale degli anarchici romagnoli (1973); “Classe Operaia, rivista politica (1964/1965); “Ideologie”, quaderni di storia contemporanea; “Incognita”, rivista di poesia; “Inverso”, rivista di poesia; “KR 991”, rivista di poesia e letteratura; “Le operaie della casa”, rivista politica femminista (1975); e tante altre ancora…

* * * * * * * * * *

GIOVEDI’ 14 LUGLIO 2016
a VaG61, via Paolo Fabbri 110, Bologna

Ore 20 > esposizione delle riviste del Fondo Roversi/Bartleby (nella sala grande)

Ore 20,30 > aperitivo sociale con spuntino mangereccio

Ore 21,30 > presentazione del Fondo Roversi/Bartleby
(in cortile) con la partecipazione di:

– Bruno Brunini (poeta che, con Roberto Roversi, prese parte all’esperienza di “Dispacci”)

– Rudi Ghedini (giornalista/scrittore)

– Antonio Bagnoli (editore, nipote di Roberto Roversi, tutore delle opere del poeta)

– un attivista dell’ex collettivo Bartleby

– Centro di documentazione dei movimenti “F. Lorusso – C. Giuliani”

Reading a cura di Kai Zen e con le musiche del Buthan Clan

* * * * * * * * * *

A partire da questa importantissima acquisizione, il Centro di documentazione dei movimenti darà vita, nei prossimi mesi, a un progetto che possa restituire alla città il prezioso patrimonio di questa raccolta di riviste, insieme ai materiali raccolti e catalogati nel corso di questi anni dal Centro stesso.

This entry was posted in Archivio iniziative, Archivio video, Comunicati. Bookmark the permalink.