Solidarietà al CSA Magazzino 47 di Brescia

Apprendiamo con rabbia quando accaduto la scorsa notte a Brescia, dove alcuni spazi del centro sociale Magazzino 47 sono stati dati alle fiamme a seguito di un vero e proprio attentato di matrice fascista. Sono stati presi di mira i locali che ospitano la libreria, segno evidente della barbarie di questi soggetti che vorrebbero mettere a tacere le espressioni di controcultura e di autoproduzione critica.

Un atto vile e intimidatorio che di certo troverà una pronta e determinata risposta, costruita come sempre sui principi dell’antifascismo e dell’autorganizzazione. Esprimiamo la più sentita vicinanza e solidarietà alle compagne e ai compagni del CSA Magazzino 47.

Di seguito riportiamo il comunicato del CSA Magazzino 47.

Vag61 – Spazio libero autogestito

* * * * * * * * * *

+++ GRAVISSIMO ATTENTATO INCENDIARIO FASCISTA AL CSA MAGAZZINO 47 +++
Questa notte dei topi di fogna si sono introdotti nel centro sociale e, dopo aver forzato una finestra, hanno appiccato un incendio all’interno del locale che ospita la libreria e l’enoteca. La finestra forzata, gli evidenti segni di effrazione e un intenso odore di benzina non lasciano dubbi sulla natura dolosa, come immediatamente notato dagli stessi Vigili del fuoco.
La pronta reazione di un compagno che si trovava all’interno dello spazio sociale ha fatto sì che i Vigili del fuoco siano potuti intervenire tempestivamente estinguendo le fiamme prima che queste potessero provacare danni ben peggiori.
Diversi mobili e una grande quantità di libri sono andati distrutti.
Il nostro compagno, unica persona presente, per fortuna sta bene.
Possiamo affermare con certezza che si è trattato dell’ennesimo infame attacco di fascisti e razzisti che cercano di seminare un clima di odio razziale e intolleranza in città.
Gli stessi che nelle scorse settimane hanno colpito le Casette occupate di via Gatti e il campo Sinti di via Orzinuovi.
Gli stessi che inneggiano a Luca Traini, autore dell’attentato razzista di Macerata.
Per questo reagiremo di conseguenza. Con rabbia, determinazione e orgoglio.
Dichiariamo già da ora uno stato di mobilitazione permanente antifascista in città.

This entry was posted in Comunicati. Bookmark the permalink.