Mai più Cie, indietro non si torna

Il ministero dell’Interno, agitando lo spauracchio del terrorismo internazionale, fa sapere di stare studiando la possibilità di rilanciare i Centri di identificazione ed espulsione, riattivando i cinque superstiti a anni di lotte e oggi funzionanti a regime ridotto e riaprendone dove erano stati chiusi. Tra le città interessate, potrebbe esserci Bologna.

I Cie sono carceri amministrative in cui recludere persone che non hanno commesso nessun reato, un abominio etico e giuridico. Abbiamo sempre lottato per la chiusura del centro di via Mattei, e l’abbiamo ottenuta. Indietro non si può tornare.

Saremo sempre a fianco dei migranti, dalla parte della libertà di movimento e di un’accoglienza piena e universale: rifiutiamo qualsiasi distinzione tra chi fugge dalle guerre e chi dalla miseria così come il ricatto del permesso di soggiorno legato al lavoro. Basta razzismo di stato, basta lager!

Vag61 spazio libero autogestito

This entry was posted in Comunicati. Bookmark the permalink.