Qualchemartedì: Narrazioni Antifasciste

MARTEDI’ 28 MAGGIO’019 alle 19

> > > Su Zic.it: ”Narrazioni antifasciste”, percorsi e pratiche a confronto (audio)

Qualchemartedì… ma alla fine pure gli altri, più o meno.

A Vag61, per tenere insieme libera socialità e progetti, percorsi e immaginari da condividere e sostenere! [info]

Vi aspettiamo con l’aperitivo e poi la cena sociale!

Questa settimana Vag61, OpenDDB e SMK Videofactory presentano:

Narrazioni antifasciste. Le nostre storie, le nostre lotte, le nostre narrazioni antifasciste. Un momento di dibattito collettivo sull’antifascismo, nel giorno dell’anniversario della strage di piazza della Loggia di Brescia.

– dalle 19: aperitivo e cena sociale con pastasciutta antifascista

– alle 20,30: tavola rotonda con Wu Ming 1, sulle vicende legate alla presenza (scongiurata) di Altaforte Edizioni al Salone del Libro di Torino 2019 / Maddalena Gretel Cammelli, autrice del libro “Fascisti del terzo millennio. Per un’antropologia di CasaPound” (Ombrecorte, 2015) / Manuel Colosio, di Radio Onda d’Urto Brescia / Smk, CentroDoc “Lorusso Giuliani”, Vag61

– a seguire: proiezione di “28 Maggio 1974. La strage degli innocenti” di Silvano Agosti

28 maggio 1974: scoppia la bomba in Piazza della Loggia a Brescia. 8 morti, centinaia di feriti. La strage segna una fase matura della strategia della tensione: quell’attentato, di matrice neofascista e con la complicità di organi dello Stato, intendeva cancellare un’importantissima stagione di lotte delle lavoratrici e dei lavoratori, di affermazione di diritti e di vivace cambiamento culturale.

Vogliamo tenere viva la memoria parlando dell’attualità, con una tavola rotonda che si propone di avviare un percorso di riflessione sulle pratiche di antifascismo militante (anche a livello simbolico e culturale) in un momento che vede moltiplicarsi in modo preoccupante i terreni di infiltrazione delle formazioni neofasciste nello spazio pubblico. Ciò avviene attraverso un riciclaggio camaleontico che registra attività su vari fronti: associazioni culturali dedite al revisionismo storico, case editrici dalle inquietanti pubblicazioni, oltre che alla continua colonizzazione delle emergenze sociali delle periferie.

This entry was posted in Archivio iniziative, Home. Bookmark the permalink.