Per una scuola e una società aperte, laiche e plurali

GIOVEDI’ 29 GIUGNO’017 alle 18,30 @ piazza NETTUNO

> > > Articolo con foto e audio su Zic.it

Difendiamo la scuola pubblica statale dalle minacce dei neofascisti e dalle ingerenze delle associazioni di integralisti-cattolici che vogliono paralizzarla con lo spauracchio del “Gender”.

La scuola pubblica statale ha tra i suoi doveri quello di educare al rispetto delle differenze per costruire una società laica e plurale, dove ogni cittadina e cittadino abbia il diritto di vivere la propria vita nel rispetto di quella altrui. Tra gli aspetti di questa educazione c’è anche quello dell’educazione all’affettività e alla parità di genere.

Alcune di queste normali attività didattiche sono state accusate da associazioni di integralisti cattolici di voler indurre i bambini a diventare omosessuali (come se ciò fosse possibile). I giornali di destra, a cui spesso queste associazioni sono legate tramite alleanze politiche, hanno rilanciato le notizie-bufala fingendo di crederci. Infine, i fascisti di Forza Nuova hanno pensato bene di minacciare le/gli insegnanti.

Episodi del genere, purtroppo, avvengono nella nostra provincia come nel resto d’Italia e le istituzioni troppo spesso stanno a guardare, per questo pensiamo sia necessario far crescere la solidarietà verso chi subisce tali pressioni, smascherare le menzogne di integralisti cattolici e fascisti e ribadire il nostro impegno per una scuola e una società laiche e plurali.

Appuntamento in Piazza Nettuno
giovedì 29 giugno ore 18.30

Per una scuola e una società aperta, laica e plurale
Stop agli integralisti cattolici e ai neofascisti

Associazioni promotrici:

Agedo Bologna “Flavia Madaschi”, ANPI Pratello, Associazione Armonie, Associazione Il Progetto Alice, Associazione Primo Moroni – Nuova Casa del Popolo di Ponticelli “La Casona” (BO), Centro Sociale TPO, Cesp – Centro Studi Scuola Pubblica – Bologna, CDS ‘70 – Centro di Documentazione della scuola degli anni ‘70, Cobas Scuola Bologna, Coalizione Civica Bologna, Collettivo Exarchia, Comitato Bolognese Scuola e Costituzione Bologna, Coordinamento Precari/ie Scuola Bologna, Donne in Nero di Bologna, Falling Book associazione culturale, Gateway, Indie Pride – Indipendenti contro l’omofobia, Labas occupato, L’Altra San Pietro – Comune di San Pietro in Casale, MIT – Movimento Italiano Trans Mujeres Libres Bologna, Noi restiamo – Bologna, Non Una Di Meno Bologna, Studenti Medi Autorganizzati Bologna, UAAR Bologna (Unione Atei Agnostici e Razionalisti), USB Scuola Bologna, Vag61, Associazione di Promozione Sociale F.R.A.M.E.

This entry was posted in Calendario, Comunicati, Home. Bookmark the permalink.