Vent’Anni – BaLotta Continua feat. Steno

Con molto piacere e un po’ di emozione segnaliamo l’uscita della nuova canzone delle/i compagne/i de La BaLotta Continua (combat ska punk), che ringraziamo con il cuore per essere da sempre al fianco di Vag61, dei movimenti sociali e dell’antifascismo. “Vent’anni” parla delle giornate del G8 di Genova 2001 e la band la presenta con le parole che riportiamo qui sotto. Share and enjoy BaLotta Continua!

“Dopo il luglio del 2001 siamo tornati poche volte: troppo dolore, troppa rabbia. L’anno scorso, nel bel mezzo della prima pandemia mondiale della nostra vita, abbiamo deciso di rifare lo stesso viaggio di quel lontano luglio e andare a Genova. Sulla strada del ritorno è riaffiorato tutto il dolore e la rabbia da cui pensavamo di proteggerci rimanendo lontani da quei luoghi che hanno per sempre cambiato la nostra storia. Sulla strada del ritorno è nata questa canzone che fra 15 giorni canteremo in Piazza Alimonda.

Genova ferita a morte nel luglio 2001.
Bologna ferita a morte nel marzo 1977.

Abbiamo voluto cantare insieme a chi ha vissuto quello stesso dolore in un modo, un posto, un momento diversi. Per questo ringraziamo Steno per essersi fatto coinvolgere, per il sostegno e soprattutto per i suoi racconti.

L’anno scorso non lo sapevamo ancora, ma forse è arrivato davvero il momento di tornare ad alzare lo sguardo, tornare a gridare la nostra rabbia insieme nelle strade, tornare a costruire insieme”.

Vent’Anni – BaLotta Continua

Sono passati 20 anni e sono ancora qua
Per pigrizia, per ignavia o solo per paura
O forse è stata la fortuna quel 20 luglio
A tenermi lontano da Piazza Alimonda.

Quante volte ho pensato “ma io dov’ero”?
“Perché non mi sono unito”, “perché non c’ero”?
Perché non mi son voltato a difendere il mio mondo
perché sono scappato con la rabbia nelle vene?

20 anni di memoria, 20 anni di rimpianti,
20 anni Carlo vive, 20 anni di rimorsi,
20 anni di odio per gli sbirri e per lo stato
20 anni scusa Carlo per non esserci stato

20 anni di memoria, 20 anni di rimpianti,
20 anni Carlo vive, 20 anni di rimorsi,
20 anni di odio per gli sbirri e per lo stato
20 anni scusa Carlo per non esserci stato

Ho guardato mille video, ma ho usato poche parole
Fatto montare la rabbia senza lasciarla sfogare,
E ancora oggi a Genova, 20 anni dopo,
Con quanto fiato ho in gola, io grido il tuo nome

E’ stato un dolore privato e nascosto
Un’iniezione letale dentro mente e corpo
Ma adesso è giunta l’ora di neutralizzarlo
Carlo torniamo nelle strade, alzando il nostro sguardo

20 anni di memoria, la nostra rabbia grida ancora
20 anni insieme a Carlo nelle lotte e nelle strade
20 anni a pugno alzato, per costruire insieme
20 anni grazie Carlo tu ci sei sempre stato

20 anni di memoria la nostra rabbia grida ancora
20 anni occhi vivi e una nuova resistenza
20 anni a pugno alzato, per crescere insieme
20 mila grazie carlo perchè ci sei sempre stato

Share and enjoy BaLotta Continua

Questa voce è stata pubblicata in Comunicati, Home. Contrassegna il permalink.