Su la testa! Percorsi di antifascismo

VENERDI’ 5 e SABATO 6 LUGLIO’019

> > > Leggi il documento “Percorsi di antifascismo: l’ora della dignità rischiosa”

>>> Ascolta Valerio ai microfoni di Radio Città Fujiko: l’intervista

> > > Le foto delle due giornate: qui // Gli audio delle iniziative: su Zic.it

Programma in aggiornamento:

VENERDI’ 5 LUGLIO

– alle 18: presentazione del libro “La buona educazione degli oppressi. Piccola storia del decoro” [Alegre – 2019 – info] con l’autore Wolf Bukowski e Maurizio Bergamaschi (Unibo)

– alle 20: cena sociale di autofinanziamento

– alle 21: “Narrazioni e decostruzioni: produrre culture antifasciste”. Con Wu Ming 4, Marco Sommariva

SABATO 6 LUGLIO

– alle 17: “Pratiche e percorsi di antifascismo e di libertà”. Con Rete Genova Antifascista, Movimento antipenale (Roma), Mediterranea Saving Humans, Lidia Cirillo, Valentina Coletta (MIT), Mujeres Libres Bologna

– dalle 19: Casa Babylon presenta Balla&Difendi. Torna la balotta di Casa Babylon, risuona la musica di Balla & Difendi! Aperitivo, cena e Dj set a cura di Albertino e Oddo, con qualche ospite [info]

* * * * * * * * * *

Un anno e mezzo fa gli spazi di Vag61 furono attraversati e rempiti da “Su la testa! Festival della letteratura antifascista”, realizzato con l’obiettivo di parlare di passato e presente, di nazionalismi e populismi, di cultura e di iniziativa antifascista. Così scrivevamo allora e nel tempo che è trascorso quell’urgenza non è certo venuta meno. Anzi. L’avvento del governo M5s-Lega non ha fatto altro che consolidare un pericolo che mai era davvero svanito, certo, ma che negli ultimi tempi ha ripreso vigore e terreno contando sulle paure di sempre, le insicurezze sociali dilaganti e interessate contiguità istituzionali, rinverdendo una pratica su cui l’estrema destra ha sempre puntato e che oggi – tra spinta social alle fake news e media permeabili – gode di particolare fortuna: imporre falsi problemi e, sopratutto, false soluzioni. Questo mentre, di decreto in decreto, l’Italia si trasforma ogni giorno di più in una caserma, in cui alle lotte sociali si risponde a colpi di Codice penale.

Allo stesso tempo, però, a più riprese si è vista una volontà diffusa di reagire agendo sul piano antifascista, antirazzista, transfemminista, ambientalista… Affermazioni di libertà, mobilitazioni di resistenza e iniziativa sociale capaci di dimostrare che è ancora possibile rompere la gabbia, ma senz’altro insufficienti se restano isolate: connettere, moltiplicare, amplificare sono necessità impossibili da ignorare.

E’ a partire da questi elementi che “Su la testa!” torna a Vag61, il 5 e 6 luglio (con due anticipazioni il 21 e 28 giugno), questa volta con un accento sui percorsi di antifascismo: quelli che esistono, quelli che bisogna immaginare e intraprendere. Sulle ragioni che ci spingono ad organizzare questa iniziativa rimandiamo con una prospettiva più articolata agli spunti raccolti nel documento “Percorsi di antifascismo: l’ora della dignità rischiosa”, che introduce e accompagna il festival. Un invito alla riflessione e al confronto in vista di due giorni di incontri, libri, musica, cibo, socialità. Per ribadire che di fronte ai fascismi non ci si gira dall’altra parte. Su la testa!

This entry was posted in Archivio iniziative, Comunicati, Home. Bookmark the permalink.